Troppo sale sulla tavola degli italiani

Il sale è un elemento indispensabile alla vita ed è presente nella composizione della maggior parte degli alimenti che mangiamo.

Un'assunzione smodata del sale, però, può esser causa di diverse malattie. Esagerare con il sale, o meglio con il sodio (un grammo di sale contiene circa 0,4 g di sodio), può contribuire all'aumento dei valori della pressione arteriosa e dei fattori di rischio cardiovascolare.

Gli italiani sono gran consumatori di sale: circa 10 g pro capite al dì. La dose giornaliera consigliata è invece di 5 g (2 g di sodio). Il consumo di sale in Italia è secondo soltanto all'Ungheria, a livello europeo.

Ricordiamoci che l’80% del sale che assumiamo deriva dal cibo che mangiamo. Per evitare di assumerne troppo è importante fare attenzione, oltre che al sale che aggiungiamo nella preparazione dei pasti, anche a quello contenuto naturalmente negli alimenti.

Il sodio è presente quasi ovunque ed è buona regola imparare a leggere le etichette nutrizionali: la quantità è riportata in milligrammi. È presente anche in alcuni additivi, tra i più diffusi abbiamo:

  • il glutammato monosodico;
  • il bicarbonato di sodio;
  • il lievito;
  • la salamoia;
  • il fosfato di sodio.

Altra fonte da non sottovalutare, soprattutto tra i più giovani e tra chi è abituato a mangiare fuori casa pasti veloci, è:

  • il cibo da fast-food, come patatine, hamburger, wurstel e sottilette;
  • i panini con affettati e formaggi;
  • tutti gli alimenti affumicati e in salamoia, sott'olio o sott'aceto.

Quante volte si pensa di fare scelte giuste scegliendo del prosciutto crudo, una scatoletta di tonno, dei legumi in scatola o verdure sott'aceto? La verità è che non è così. Sono tutte, quasi sempre, ricche di sale e un uso frequente, anche se comodo e veloce, di questi alimenti, non è certo la scelta migliore.

Una maggiore accortezza nel limitare queste fonti, più o meno nascoste, contribuisce a regolarizzare la pressione arteriosa e di conseguenza a migliorare il drenaggio dei liquidi a carico del sistema linfatico. Il gonfiore generalizzato e l'aumento della ritenzione idrica, in particolare a carico delle gambe, sono spesso dovuti proprio ad un cattivo drenaggio, che così come per l'ipertensione, sono causati da un eccesso di sale introdotto con la dieta.

Il nostro palato può facilmente abituarsi al cibo meno salato.

Per diminuirne il consumo, basta seguire delle semplici regole:

  • prediligere un'alimentazione naturale con alimenti poco lavorati;
  • diminuire l’utilizzo del sale da cucina sia in fase di preparazione che in cottura;
  • preferire spezie ed erbe per insaporire;
  • evitare le fritture, gli alimenti affumicati, tutto ciò che è conservato e già pronto all'uso;
  • fare attenzione alle salse, alle bevande gasate e ai cibi “light”, spesso arricchiti con sale proprio per dare più gusto;
  • prediligere acque minerali povere di sodio.